aggiungi al blocco note

Vini e distillati

Strada del vino dell'Etna

http://www.stradadelvinodelletna.it
Strada del vino dell'Etna

Il vulcano più grande d'Europa è la zona produttiva dei vini più caratteristici della Sicilia, grazie al coraggio dei produttori che hanno scelto le scoscese pendici dell'Etna per installarvi i loro vigneti. La strada del vino dell'Etna ci porta attraverso queste meravigliose terre per conoscerli meglio.

Visto da vicino, l'Etna fa paura. Ma non a chi, su questa terra nera e fertile, ha costruito la propria attività: si tratta dei coltivatori che vi hanno esteso le proprie coltivazioni, su tutte la vite, che sull'Etna ha saputo trovare il suo habitat ideale. È in questi luoghi, grazie alle particolari condizioni climatiche, che nasce l’Etna Doc. Un vino, nelle tre qualità bianco, rosso e rosato, ottenuto dalle uve di quattro vitigni: il Carricante, il Catarratto, il Nerello Mascalese ed il Nerello Mantellato. Un vino dal carattere inevitabilmente forte, che esprime la tenacia e la passione di chi lavora su queste difficili terre. La strada del Vino dell'Etna rende appunto omaggio ai 20 produttori che ne fanno parte, aziende situate in luoghi incantevoli, che lavorano secondo tradizione e dove si respira aria di antico e di Mediterraneo. L'itinerario comprende vigneti, cantine, enoteche e musei che gravitano attorno al vulcano e attraversa i comuni di Giarre, Mascali, Santa Venerina, Zafferana Etnea, Milo, Sant’Alfio, Piedimonte Etneo, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia, Randazzo, Nicolosi, Pedara, Viagrande e Trecastagni: comuni antichi, ricchi di storia, beni artistici ed ambientali. La "strada" ha inizio nel comune di Riposto, sede del porto dell'Etna, e si snoda lungo le rigogliose campagne dei versanti sud-est e nord-est del vulcano. Si passa attraverso i caratteristici muri a secco di pietra lavica nera, gli antichi casolari contadini, le masserie e le sontuose ville dei nobili di un tempo, i frutteti e gli agrumeti, per poi entrare nel vivo della storia che domina questi paesi. Passando di borgo in borgo si ammirano, infatti, chiese, piazze, palazzi, che interpretano i diversi stili architettonici che caratterizzano l'isola. Quattro gli itinerari possibili: c'è la "via della Zagara" che, partendo da Belpasso, si dirige verso monte e, in un saliscendi di stradine, termina a ridosso dei boschi di Zafferana Etnea; il secondo itinerario, "la Maretina", inizia e finisce a Giarre da cui, costeggiando il torrente di Macchia, attraversa vigneti e frutteti, per giungere al mare di Riposto; c'è poi "La via dei Castelli", che parte da Sant'Alfio e si porta sulla via per Linguaglossa, fiancheggiata da vigneti e noccioleti, per immergersi nella verde Valle dell'Alcantara, attraversare tanti piccoli borghi, deviare verso il Lago Gurrida, straordinario fenomeno naturale, e finire a Bronte, terra del pistacchio. L'ultimo itinerario, "La Littorina dell'Etna" è, infine, il più caratteristico e divertente: si sale in carozza a Riposto e si viaggia affacciati al finestrino, mentre la littorina risale le verdi pendici dell'Etna: alla vista si susseguono Nunziata, Piedimonte Etneo e Linguaglossa, poi è la volta della Valle dell'Alcantara, dei monti Nebrodi e infine di Bronte.
    A cura di
    Gambero Rosso
    VOTA:

    INFO

    • VOTO: nessuno
    • Associazione "Strada del Vino dell'Etna"
      via Nicola Coviello, 15
      Catania
      tel. 095 4012961

    EVENTI

    A TAVOLA

    NIGHTLIFE

    ACCOGLIENZA

    Blocco Note / tot appunti: 0

    Info

    Per vedere il tuo blocco note, clicca qua

    A TAVOLA: 0
    NIGHTLIFE: 0
    OSPITALITÀ: 0
    EVENTI: 0
    MADE IN ITALY: 0

    Cerca in - Vini e distillati

    Proponi la tua struttura

    Sei proprietario di un ristorante, albergo o locale? Scopri come pubblicare una scheda della tua struttura sul sito.

    Ragione sociale